MILANO – Punta sulla selezione, sulla data anticipata e su uno scenario internazionale con particolare riguardo al Made in Italy, la nuova edizione di Si Sposaitalia Collezioni, dal 1 al 4 aprile a Milano, a MICO_Fieramilanocity.

Intorno una città piena di stimoli e di spunti moda, dentro una manifestazione in cui ai marchi autorevoli e famosi si affianca lo scouting di nuovi brand. Ogni giorno, un fitto calendario di sfilate, occasioni di incontro e di confronto.
Frequentata dai più importanti buyer internazionali, fatta eccezione per i Paesi che per motivi diversi saranno impossibilitati a volare, offre un palcoscenico unico e autorevole sulle nuove tendenze.

I trend del 2023
Le nuove collezioni hanno saputo intercettare e interpretare le esigenze delle nuove generazioni che mostrano un interesse sempre più forte nei confronti del tema sostenibilità e di conseguenza del riutilizzo, che apprezzano una certa ‘componibilità’ dell’abito e che mantengono una forte lato romantico.
Domina l’effetto ‘wow’, l’identità di un vestito che può sorprendere e cambiare, ma anche una certa fluidità, leggerezza nei tessuti e nelle linee. Non manca il tocco sartoriale, la ricerca del fatto a mano, dell’applicazione straordinaria e stravagante, della citazione vintage, non vissuta come qualcosa di polveroso, ma piuttosto come un ulteriore valore.

Le aree
Tre sono le aree in cui è organizzata la manifestazione per consentire una visita logica: Sì Bridal Room, dove sono concentrati i designer, Sì Italian Touch, un’area a vocazione Made in Italy e Sì Collections decisamente internazionale.

On line
Precede, segue e accompagna la visita la piattaforma di Si Sposaitalia Collezioni, occasione continua di aggiornamento e di informazione, attiva tutto l’anno con la sua comunità di riferimento, così come lo sono i social.

Il calendario
Venerdì 1 aprile apre il calendario Elisabetta Polignano con una collezione  componibile e scomponibile, pezzi duttili per look diversi. Segue My Secret, sofisticata ricerca di tessuti naturali, Michela Ferriero, tagli sartoriali e scultorei, Maison Signore per cui straordinarie premiere realizzano capi gioiello, Helena dall’eleganza ricercata e spontanea.
Sabato 2 aprile saranno in passerella le creazioni di Giuseppe Papini, la sua couture personalissima, Enzo Miccio e i suoi abiti camaleontici, la sensualità dei modelli di Allure Bridals, l’italianità di Terry Ilaflà.
Domenica 3 aprile sfileranno gli straordinari e voluminosi modelli di Amelia Casablanca, le creazioni importanti di Julia Kontogruni e l’universo maschile di Kigili 1939.

Il settore, dopo la lunga parentesi della pandemia, torna in piena attività, motivato dal crescente numero delle cerimonie e da una creatività che ha avuto modo di rafforzarsi durante la pausa forzata dando rilievo nello stesso tempo ad un patrimonio artigianale e a una spiccata sensibilità verso il lifestyle e le nuove generazioni.


Per la tranquillità dei visitatori e degli espositori, l’accesso è consentito solo ai possessori di Super Green Pass. Tutti gli appuntamenti si svolgeranno nel piano rispetto di tutte le norme di sicurezza e secondo il protocollo ufficiale.

About Author

Francesco Russo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.