MILANO – Blocchi di partenza per Sì Sposaitalia Collezioni, la manifestazione di rilievo internazionale è infatti pronta al suo come back in presenza, fissato a fieramilanocity_MIco (Milano) dall’1 al 4 Aprile 2022. Punto di riferimento internazionale per addetti ai lavori e atelier, la kermesse è da sempre considerata uno degli appuntamenti irrinunciabili dell’universo bridal. In questa cornice vestita di bianco, glamour ed eleganza si fondono in un calendario ricco di eventi e sfilate, ben dodici infatti le passerelle previste nelle prime tre giornate con l’obiettivo di offrire uno specchio reale su quelle che sono le prossime tendenze di stagione e i must-have dell’universo wedding. Grande attesa però non solo per i défilé, ma anche per i numerosi brand e le case che avranno la possibilità di mettere sotto i riflettori le proprie collezioni, dagli abiti agli accessori, fornendo un vero métissage di ispirazioni e contaminazioni artistiche.

Tradizione e innovazione si potranno ammirare nella nuova collezione “Nodo d’amore” di scarpe Danira, realizzata pensando all’amore e curando ogni singolo particolare di tutta la linea bride, dalla selezione dei tessuti agli accessori romantici. A introdurre grandi novità sono anche la firma Claudio Mari, che a Sì Sposaitalia Collezioni porterà non solo i suoi abiti made in Sicily ma anche una capsule collection di abiti da sposa serali sempre sartoriali, e Avaro Figlio che presenterà la linea Bianca, tra tessuti, volumi e ricami che strizzano l’occhio alle spose moderne.



Attese new entry anche nello spazio dell’atelier Luisa Sposa che amplia la sua offerta secondo un approccio ancora più orientato a soddisfare le richieste di ogni cliente. «Il nostro punto di forza, oltre che novità, è l’abito intercambiabile a due pezzi che può assumere nuove identità: in questo modo la sposa può avere un abito sia personale che personalizzabile. La sposa del 2023 ha bisogno di novità e di distacco, per questo nelle nostre creazioni manteniamo l’identità legata alla tradizione ma guardando sempre al futuro», ha spiegato Rossella Iacovelli, pr e responsabile comunicazione dell’etichetta. Mentre la maison Maria Pia ammalierà i presenti con una ventata di freschezza fatta di tessuti nuovi e insoliti per l’universo wedding, volumi XL e dettagli couture, sempre senza però tradire il suo Dna fatto di linee pulite e manifattura delle lavorazioni magistrale. 

Chic e classicità 2.0 saranno invece all’insegna dell’internazionalità per l’uomo di Versali, che per la sua collezione Ceremony 2023 si rifà alle atmosfere notturne di Dubai, introducendo tessuti illuminati dai riflessi dei filati in lurex all-over e jacquard che, uniti alle silhouette degli abiti dalle forme che delineano il corpo, creano una forte, personale e briosa immagine. Il lusso world-wide sarà però rappresentato anche dalla griffe Gali Karten, un’azienda guidata da un management giovane, dinamico, moderno che grazie al talento della stilista Gali porta a Milano l’eccellenza sartoriale israeliana, fatta di tocchi vintage e tagli tipici dell’alta moda.

Alla kermesse all’insegna del «vissero felici e contenti» non poteva mancare un esperto del settore come Enzo Miccio. Lo stilista e trend setter, infatti, rivelerà ai presenti la sua nuova collezione Enchanten Garden, una parola che sottolinea la cura e la magia dedicata alla realizzazione delle silhouette di bianco vestite e, naturalmente, made in Italy. «I miei abiti sono sempre un inno alla bellezza, vogliono esaltare le mie spose nel loro giorno più bello. Mi piace creare abiti che parlano di un mondo incantato e onirico ma sempre contemporaneo e femminile», ha spiegato Enzo Miccio.

Un evento ricco di appuntamenti e tantissime novità quello di Sì Sposaitalia Collezioni, che mai come quest’anno conferma l’importanza del segmento bridal all’interno del panorama moda internazionale, offrendo nuove visioni e tendenze al passo con i tempi e con la new generation. A partire con la piattaforma digitale #iamsposaitalia che rimane attiva a supporto dell’edizione fisica, permettendo a espositori e buyer da tutto il mondo di entrare in contatto diretto prima e durante la Fiera.

Per preservare tutta la manifestazione, l’accesso è previsto unicamente ai possessori di Super Green Pass. Tutti gli appuntamenti si svolgeranno nel pieno rispetto delle norme di sicurezza nazionali e sotto un rigido protocollo volto a contenere la diffusione del Coronavirus.

About Author

Francesco Russo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.