MILANO – La Milano Wine Week 2023 è ufficialmente partita con grande entusiasmo, inaugurando la sua sesta edizione con una conferenza stampa presso Casa Masaf. Organizzato dal MWW Group, l’evento presenta un calendario ricco di appuntamenti che coinvolgono appassionati e operatori del settore, promuovendo la cultura del vino e fornendo nuove esperienze innovative e coinvolgenti. La manifestazione è stata inaugurata nel nuovissimo spazio di Piazza XXV Aprile, nel cuore di Milano, realizzato con l’appoggio del Ministero dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare.

Milano Wine Week 2023

Diversità e sinergie nel mondo del vino

Il presidente di MWW Group, Federico Gordini, ha sottolineato l’importanza di dare spazio a tutte le sfaccettature del mondo del vino, dalla grandi aziende ai piccoli produttori, creando un evento sempre più forte, innovativo e rappresentativo. Gordini evidenzia come il settore del vino stia comprendendo sempre più la necessità di comunicare con i consumatori finali, rendendo la Milano Wine Week una piattaforma unica dedicata alla formazione del pubblico.

Riflessioni sulla situazione attuale

Durante la conferenza stampa, Brunella Saccone dell’Ufficio Agroalimentare e Vini ICE – Agenzia, ha sottolineato la necessità di affrontare le tensioni politiche ed economiche, promuovendo la diversificazione delle azioni per creare sinergie efficaci tra produttori e istituzioni. L’Agenzia ICE mira a favorire l’apertura internazionale di un numero sempre crescente di imprese vinicole, concentrandosi su temi cruciali come autenticità, valore, responsabilità e sostenibilità.

Milano Wine Week 2023

L’impegno di Carrefour Italia nel mondo del vino

Christophe Rabatel, CEO di Carrefour Italia, ha espresso il piacere di supportare la Milano Wine Week per il secondo anno consecutivo. Carrefour Italia si impegna a guidare i consumatori in modo consapevole nel mondo del vino di qualità, promuovendo l’italianità e sostenendo le eccellenze del territorio. L’impegno dell’azienda è orientato verso la valorizzazione delle produzioni agroalimentari italiane e la creazione di modelli di distribuzione sostenibili.

Il vino come elemento culturale e turistico

Francesco Ferreri di Coldiretti ha evidenziato il ruolo del vino nell’ispirare economia, arte, storia e politica, sottolineando il suo ruolo nella “dieta mediterranea”. Ha notato il cambiamento nel settore vinicolo, che si è reso più accessibile al consumatore finale, grazie alle cantine che aprono le proprie porte per raccontare il processo di produzione del vino, diventando una parte significativa del settore turistico.

La valorizzazione del vino italiano a livello nazionale e internazionale

Gli interventi dei rappresentanti di Confagricoltura Lombardia, Federvini, Consorzio Tutela Franciacorta, e Consorzio di Tutela Prosecco DOC hanno sottolineato l’importanza strategica del settore vinicolo italiano, il suo contributo all’economia nazionale e gli sforzi per affrontare le sfide attuali. Ogni rappresentante ha portato la propria prospettiva e ha enfatizzato l’impegno nel garantire un consumo moderato e consapevole, promuovendo la qualità del vino italiano.

About Author

redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *