MILANO – Dopo due anni di sospensione a causa della pandemia, torna finalmente a Milano LIVE WINE, il Salone Internazionale del Vino Artigianale. Si tratta della sesta edizione della fiera, che si svolgerà domenica 20 e lunedì 21 marzo, nella storica sede del Palazzo del Ghiaccio, dove si riuniranno oltre 150 cantine italiane ed estere, per due giorni di assaggi, degustazioni guidate, incontri culturali.
L’interesse per il vino naturale e artigianale continua a crescere: attrae l’attenzione della stampa (The New York Times, Le Monde, The Guardian) e occupa sempre più spazio nelle carte di ristoranti ed enoteche. I due anni di crisi pandemica non hanno arrestato questa crescita: il movimento dei vignaioli naturali sta uscendo dalla nicchia e Live Wine continua a darne uno spaccato completo e appassionante.

Cos’è il vino naturale? Dal punto di vista agricolo richiede un metodo biologico o biodinamico (cioè senza sostanze chimiche di sintesi) e in cantina esclude l’utilizzo di processi invasivi o additivi enologici (eccetto eventuali piccole quantità di solforosa). L’approccio produttivo è votato al minimo intervento possibile, per accompagnare l’uva nelle sue trasformazioni, in modo che il vino possa essere la più spontanea e schietta rappresentazione del territorio e della persona che lo produce.


Nel generale clima di ripartenza, Live Wine è un imprescindibile appuntamento per gli addetti ai
lavori, che avranno l’occasione di incontrare produttori emergenti ed esplorare l’evoluzione dei
produttori già noti. Il Salone è aperto anche agli appassionati e ai curiosi, perché possano scoprire il
fascino e l’alta qualità dei vini in assaggio.
L’edizione 2022 avrà un allestimento ripensato in ottica di sostenibilità e riduzione dell’impatto
ambientale. Come nelle precedenti edizioni, la navata principale del Palazzo del Ghiaccio sarà
occupata dai banchi di assaggio, dove si potrà conversare liberamente con i produttori; ci sarà anche
una vasta area dedicata al cibo, che ospiterà una selezione di produzioni artigianali italiane ed estere.
Due lezioni-degustazioni caratterizzeranno la giornata di domenica: una dedicata alle Alpi, con vini
provenienti da diverse valli dell’arco alpino, guidata da Giorgio Fogliani; l’altra dedicata ai vini
bianchi della Loira, alla scoperta di contrade e nomi meno battuti, guidata da Samuel Cogliati. Non
mancheranno inoltre incontri di approfondimento e dibattito.

Nei giorni del Salone e in quelli precedenti alcune enoteche della città ospiteranno gli eventi di Live
Wine OFF, una sorta di “fuori salone”, tra serate festose, cene e degustazioni.

Live Wine 2017. Palazzo Del Ghiaccio, Milano. 19 febbraio 2017.


Alcune informazioni pratiche:
• La lista dei produttori partecipanti e il programma di Live Wine Off saranno consultabili (da marzo)
sul sito di Live Wine.
• Le degustazioni guidate sono a numero chiuso e prenotabili tramite il sito (da marzo), fino a
esaurimento posti.
• Come ogni anno, sarà possibile degustare e acquistare le bottiglie direttamente dai produttori.
• Live Wine è realizzato con il sostegno dell’Associazione Italiana Sommelier Lombardia e della
storica manifestazione Vini di Vignaioli di Fornovo (Parma).
………………………………………………………………..………
LIVE WINE 2022
Palazzo del Ghiaccio
via G.B. Piranesi, 14 – Milano
domenica 20 marzo, dalle 12.00 alle 20.00
lunedì 21 marzo, dalle 10.00 alle 18.00


Biglietti acquistabili sul sito (da marzo) oppure all’evento
Intero € 25
Soci AIS € 20
Operatori € 15


Contatti
Sito: www.livewine.it | e-mail: info@livewine.it
Facebook: www.facebook.com/livewine
Instagram: livewinemilano
Twitter: twitter.com/LiveWineMilano

About Author

Francesco Russo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.