MILANO – Con il rincaro della vita dovuto alla crisi economica che l’Italia sta attraversando in questo periodo, il mantenimento di un figlio come studente fuori sede può gravare tantissimo su un bilancio familiare.

Per contribuire alle spese e mirare a una piccola soddisfazione personale d’indipendenza economica, molti studenti allora si tuffano nella ricerca di un lavoro adatto alla loro disponibilità in termini di tempo libero dallo studio e dagli obblighi universitari. 

Soprattutto in una città come Milano, dove l’abbagliante panorama della movida giovanile e il tenore di vita che ne consegue richiedono un maggiore sforzo economico, gli studenti approfittano della vasta prospettiva di opportunità di cui dispone il capoluogo meneghino puntando la loro ricerca sulle numerose offerte di lavoro part-time che molte aziende propongono sul mercato.

Uno tra i lavori più gettonati tra i giovani studenti, grazie alla flessibilità oraria e alle poche competenze richieste per iniziare, è sicuramente l’operatore di call center. Questa professione, infatti, offre un ottimo connubio tra studio e autonomia economica, lasciando ampio spazio anche a svaghi e divertimenti, e proiettando all’orizzonte la possibilità di intraprendere una carriera vera e propria in questo settore.

Chiunque voglia approcciarsi a questa tipologia di lavoro, può affidarsi alla professionalità e alla serietà dell’agenzia Jobtech, leader nel settore del lavoro online, la quale mette a disposizione callcenter.it, un portale completamente dedicato a chi cerca lavoro come operatore di call center a Milano, creando un punto d’incontro tra le aziende che ricercano personale selezionato e candidati adatti all’impiego.

Il candidato ideale dovrà possedere pochi requisiti, ma necessari al fine dell’assunzione.

Tra questi, sono essenziali la dimestichezza nell’utilizzo del PC, la conoscenza dei programmi informatici di base (ad esempio il pacchetto Office) che permettono l’accesso alle banche dati, e la conoscenza di una o più lingue straniere.

Sono a disposizione del candidato vari corsi di formazione ai quali accedere per conseguire le qualifiche necessarie per diventare operatore telefonico. Inoltre, per testare le qualità del lavoratore, le aziende offrono un periodo di tirocinio durante il quale sarà possibile svelare le potenzialità del candidato e, allo stesso tempo, procedere con la formazione dello stesso. Lo stage prevede un minimo di rimborso per le spese di trasporto. 

Lavorare come operatore di call center non è solo utile per mantenersi all’università ma è anche un’ottima occasione per fare carriera. Infatti, dopo il periodo da apprendista (la famigerata gavetta) questa professione offre al dipendente motivato la possibilità di crescere attraverso vari scatti di livello, fino ad auspicare di raggiungere il ruolo di Call Center Manager

About Author

Francesco Russo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.