MILANO – Chi ha messo da parte qualche risparmio dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di comprare un immobile per metterlo a reddito. Già, ma quali sono le zone migliori su cui conviene puntare la propria attenzione? Gli esperti raccomandano di optare per le aree più care o, in alternativa, di privilegiare le nuove costruzioni che vantano la classe energetica A; queste, infatti, sono facili da rivendere e in grado di fare la differenza in un mercato come quello immobiliare che è in costante evoluzione.

Ipotizziamo di dover realizzare un investimento immobiliare a Milano: nella zona del centro la richiesta media è intorno ai 12mila euro al metro quadro. Se poi si prendono in considerazione i singoli quartieri nel dettaglio, si va dagli 11.700 euro al metro quadro di Scala e Duomo ai quasi 12.400 euro di San Babila e Vittorio Emanuele, passando per i 12.800 euro al metro quadro di Montenapoleone e via della Spiga. Si scende un po’ nella zona del Castello Sforzesco e del Parco Sempione, fino a quota 10.850 euro al metro quadro. Più o meno sulla stessa lunghezza d’onda le zone di Cordusio e Cairoli. Intorno ai 9.400 euro al metro quadro Monforte, Porta Venezia, Porta Nuova e Repubblica.

È sempre molto importante poter beneficiare di una corretta valutazione appartamento, sia nel caso in cui si abbia intenzione di comprare, sia nel caso in cui si sia in procinto di vendere. Chi acquista in previsione di un investimento immobiliare in media ha un’età compresa tra i 45 e i 54 anni. Per quel che riguarda la fascia di età fra i 35 e i 44 anni, invece, si nota una prevalenza di investitori uomini, mentre le donne sono più interessate a comprare casa dopo i 55 anni. Forse questo è il sintomo del fatto che gli uomini raggiungono prima delle donne la stabilità economica che occorre per potersi permettere di comprare casa.

Per quanto riguarda la scelta delle città in cui investire, infine, tra le preferite ci sono Roma e soprattutto Milano; dimenticati i rallentamenti causati dalla pandemia, la metropoli meneghina è oggetto di importanti riqualificazioni, come quelle che riguardano lo Scalo di Porta Romana e lo Scalo Farini. Non è detto, comunque, che si debba puntare per forza sul centro: anche le periferie meritano una particolare attenzione, anche perché possono garantire rendimenti maggiori a fronte di prezzi decisamente inferiori.

About Author

Francesco Russo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.