MILANO – La montagna è ispirazione, forza e libertà, è il luogo in cui il brand è stato concepito e dove sorge la sede creativa di DALPAOS ai piedi delle catene Dolomitiche. Onnipresente in modi differenti nelle precedenti collezioni come nei materiali tecnici tangibili o nascosti, nelle stampe di piante che prediligono alte quote, nella rivisitazione di capi tipici del luogo in chiave contemporanea così come in molti altri dettagli, la montagna è sempre stata parte integrante del dna DALPAOS.

Nella collezione CORDA i simboli che più caratterizzano questo ambiente vengono sviluppati ed elaborati in una nuova forma.

La collezione infatti omaggia il luogo d’origine del designer e del marchio focalizzandosi sugli sport estremi che si possono praticare in queste zone, nei colori del cielo e della natura visibili solo a certe altitudini e nella rivisitazione dell’estetica che caratterizza questi luoghi.

Un primo focus viene dato al trekking e all’arrampicata. Denim invecchiato e tessuti classici vengono ricostruiti con imbracature staccabili, corde per il climbing diventano coulisse per hoodies e pantaloni, le borse porta magnesite si trasformano in preziose mini bag in camoscio upcycled e ancora moschettoni da arrampicata vengono utilizzati per unire parti di un capo offrendo la possibilità di reinventarne l’indosso.

Guardando il cielo da questi luoghi, sopratutto nelle giornate più terse, una svariata quantità di vele colorate volano sfiorando le montagne. Deltaplani e parapendii offrono vari spunti creativi per lo sviluppo della collezione. Pantaloni in morbido cotone presentano ginocchiere trapuntate e cinture create con ganci di sicurezza, gilet imbottiti ricordano le giacche indossate per i voli in parapendio, cappotti dal taglio classico e rigoroso si uniscono a materiali tecnici tramite mezzi anelli e moschettoni ispirandosi alle imbracature dei deltaplani.

Gli stessi parapendii e deltaplani si palesano su cotoni upcycled e organici tramite stampe allover create con colori naturali ad acqua ma anche con stampe singole sul retro di giacconi tecnici, felpe, t-shirts e pantaloni.

I classici pattern Tartan e Check, tessuti in costa, lane vergini e la maglieria e si uniscono a fibre riciclate come il poliestere per creare un equilibio tra classico e moderno, tra tradizione e futuro.
Il denim viene selezionato per lo sviluppo di pantaloni e giubbotti nei toni del verde felce sbiadito ed invecchiato, in un verde più acceso con disegni pied de poule a quadri ma anche nel classico blu rivisitato con dettagli itineranti quali cordini e accessori da arrampicata.

I funghi creano un fil rougue con la precedente collezione invernale: ridisegnati a mano portati su stampe transfer e serigrafiche, ricamati, ma anche proposti come dettagli interni ai capispalla su tasche a toppa.

About Author

Francesco Russo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.